‹ torna al blog

articolo del 18/05/2016
Qi Gong

Qi Gong - o Qigong o Chi kung- è un termine generico recente che designa un insieme di pratiche di benessere, di salute, risveglio e realizzazione personale. tutti insieme, in parte o uno per volta. Può dunque spaziare dalla ginnastica dolce praticata semplicemente per sentirsi bene fisicamente ad una pratica di meditazione che utilizza il movimento, il "soffio", le visualizzazioni fino a forme molto avanzate di alchimia interna (Nei Dan Gong).


Qi Gong può dunque essere tradotto come "lavoro" (Gong) del "soffio" (Qi), ma anche come pratica energetica, intesa come energia vitale che anima le cose e gli esseri. Seguendo questo principio di lettura il Qi può essere tradotto come "soffio, vapore, aria, energia, principio vitale e "ciò che anima ogni cosa". E' un termine molto semplice ma allo stesso tempo molto vasto come campo di applicazione per questo molto spesso viene associato ad altri termini per definire in maniera più specifica il tipo di lavoro che si intende fare (come per esempio il famoso Kung Fu o Qi Gong Fu).
Come tutte le pratiche olistiche per poter ottenere benefici apprezzabili è richiesta continuità e regolarità nell'esercizio di questa disciplina, ma se viene considerato uno dei 5 pilastri della medicina cinese un motivo ci sarà, e ormai da millenni chi pratica il Qi Gong ha forti benefici nel miglioramento della postura, nel coordinamento dei propri movimenti, rafforzamento dell'apparato respiratorio e del sistema immunitario, benefici nel sistema cardiovascolare e maggior ossigenazione del sangue, per poi arrivare a risultati più "sottili" che sono analoghi a quelli ottenuti con la meditazione. Il Qi Gong non è precluso a nessuno e non richiede doti o predisposizioni fisiche particolari, richiede solo volontà e costanza.
‹ torna al blog

articolo del 18/05/2016
Qi Gong



Qi Gong - o Qigong o Chi kung- è un termine generico recente che designa un insieme di pratiche di benessere, di salute, risveglio e realizzazione personale. tutti insieme, in parte o uno per volta. Può dunque spaziare dalla ginnastica dolce praticata semplicemente per sentirsi bene fisicamente ad una pratica di meditazione che utilizza il movimento, il "soffio", le visualizzazioni fino a forme molto avanzate di alchimia interna (Nei Dan Gong).


Qi Gong può dunque essere tradotto come "lavoro" (Gong) del "soffio" (Qi), ma anche come pratica energetica, intesa come energia vitale che anima le cose e gli esseri. Seguendo questo principio di lettura il Qi può essere tradotto come "soffio, vapore, aria, energia, principio vitale e "ciò che anima ogni cosa". E' un termine molto semplice ma allo stesso tempo molto vasto come campo di applicazione per questo molto spesso viene associato ad altri termini per definire in maniera più specifica il tipo di lavoro che si intende fare (come per esempio il famoso Kung Fu o Qi Gong Fu).
Come tutte le pratiche olistiche per poter ottenere benefici apprezzabili è richiesta continuità e regolarità nell'esercizio di questa disciplina, ma se viene considerato uno dei 5 pilastri della medicina cinese un motivo ci sarà, e ormai da millenni chi pratica il Qi Gong ha forti benefici nel miglioramento della postura, nel coordinamento dei propri movimenti, rafforzamento dell'apparato respiratorio e del sistema immunitario, benefici nel sistema cardiovascolare e maggior ossigenazione del sangue, per poi arrivare a risultati più "sottili" che sono analoghi a quelli ottenuti con la meditazione. Il Qi Gong non è precluso a nessuno e non richiede doti o predisposizioni fisiche particolari, richiede solo volontà e costanza.